Calcolo quote scommesse sul calcio

Partiamo da una grande verità, che non sempre viene accettata dai giocatori: il banco si prende sempre un vantaggio rispetto al pubblico. Ciò avviene nei giochi da casinò, nei gratta e vinci, nelle slot e ovviamente anche nelle scommesse sportive, con il bookmaker che studia la propria offerta in base a precise regole matematiche.

In particolare il calcolo quote scommesse dà la possibilità a un bookmaker di avere un vantaggio non su un singolo giocatore (altrimenti non sarebbe possibile vincere) ma su una platea di tanti giocatori. Facendo l’esempio della Roulette, abbiamo la possibilità di puntare su 37 o 38 numeri (lo 0, lo 00 e i numeri dal’1 al 36), ma se indoviniamo il numero vincente incassiamo 36 volte la posta puntata. E’ ovvio che la legge dei grandi numeri favorisce il banco.

Come nasce una quota nelle scommesse?

Del resto, chi offre una giocata ha le sue spese: dal costo della licenza, al personale, all’affitto di una sala, per non parlare della tassazione. Per essere sicuro di poter coprire i costi di gestione ogni bookmaker deve avere la certezza di poter ottenere un ritorno dalla gestione di migliaia di giocate.

E’ qui che interviene il trader, una figura fondamentale per capire come nasce una quota nelle scommesse. Si tratta di professionisti che valutano ogni singolo fattore che può essere decisivo in una partita: rosa delle due squadre, condizione fisica e motivazioni; senza tener conto della valutazione di come si stanno comportando i bookmaker concorrenti. A questo punto vengono stabilite delle percentuali, che riflettono la possibilità che una partita finisca ad esempio con il segno 1 la X o il 2.

Da questa base, come si arriva al calcolo quote scommesse sul calcio? Potremmo entrare in aspetti molto tecnici, ma per il lettore sarebbe un approfondimento quasi inutile. Ci basta sapere questo: se a una squadra viene dato un 40% di probabilità di vittoria di una partita, la quota sul suo successo è calcolata con un’operazione molto semplice.

E’ quindi con questa formula che nasce una quota nelle scommesse. 100:40, che ci dà quota 2.50. Nel caso si debba valutare la quota di una squadra nettamente più favorita, che ha il 70% di possibilità di vittoria, la quota sarà 1,42. Ovviamente va considerato che questi valori vengono arrotondati per difetto dal bookmaker, che deve applicare l’aggio per garantirsi un guadagno.

Follow us

Don't be shy, get in touch. We love meeting interesting people and making new friends.

Most popular

error: Content is protected !!