Cosa è una scommessa

Puntare sugli eventi sportivi e pronosticarne il risultato futuro è stato da sempre nelle corde dell’essere umano. Dal 3000 a.C. (i cinesi già giocavano a dadi) a oggi sono cambiati gli eventi su cui si scommette, ma non sono cambiate le abitudini, e il gioco è diventato legale. Se in Italia fino al 1998 si poteva puntare solo sui cavalli e comporre la Schedina del Totocalcio, con i Mondiali di Francia dello stesso anno è stato possibile puntare sul risultato di alcuni match. Poi, con il decreto Direttoriale 128 del maggio 2002, si è consentito ai bookmaker di raccogliere le puntate via telefono e via web. Da allora si è giocato tanto, e hanno giocato in tanti, ma pochi si sono approcciati alle scommesse nel modo corretto.

Prima di procedere oltre, e vedere magari alcune tipologie di scommessa, cerchiamo di capire con parole semplici cosa è una scommessa e cosa comporta per chiunque voglia farne una o più di una. Puntare su una partita di calcio, per esempio sul segno 1, X o 2, significa pronosticare o cercare di prevedere il risultato di quella partita. Meglio ancora: se la sfida è Juventus-Napoli e puntiamo sull’1, stiamo scommettendo sulla vittoria della formazione di casa; puntando sulla X pronostichiamo che il match al 90’ più eventuale recupero finisca in parità (0-0, 1-1, 2-2 e così via); col 2 scommettiamo che vincerà la squadra ospite.

Poniamo che il budget che vogliamo investire sia di 10 euro. Puntandoli tutti sulla Juventus, bancata mettiamo a 1.80, in caso di successo dei bianconeri vinceremmo 18 euro: il risultato della moltiplicazione tra la cifra investita e la quota fissata dal bookmaker; vale a dire, in questo caso, i nostri 10 più gli 8 di vincita effettiva. Se puntiamo tutto sulla X, quotata per esempio a 3.00, in caso di parità vinceremmo 30 euro, e cioè 3 volte la posta. Se infine scommettiamo sulla vittoria degli Azzurri bancata a 4.00, e questa si verifica, vinceremmo 40 euro, 4 volte la posta.

Va da sé che più è bassa la quota relativa a un determinato segno più sono alte le probabilità che lo scommettitore ha di azzeccare il pronostico. Allo stesso modo, più è alta la quota dell’esito meno probabilità ha il giocatore di portare a casa la vincita. Così come è chiaro che in caso di pronostico non centrato la cifra investita passa dalle tasche dello scommettitore a quelle del bookie con il quale ha puntato.

Tipologie scommesse sul calcio

Iniziamo col dire che l’offerta dei bookmaker è davvero ampia, se non sconfinata. Ti è capitato di fare un giro sui loro siti e ne sei uscito un po’ confuso o, peggio, tramortito? Niente paura: capita anche agli scommettitori più navigati, figuriamoci a quelli che sono alle prime armi. Eppure, se è vero che le possibilità di scommessa sono tantissime, è vero anche che si possono raggruppare in alcune macro-categorie.

Riteniamo che possa essere utile riportarle di seguito, per cominciare a orientarsi meglio nell’oceano di proposte dell’operatore. Familiarizzare col significato di singola o multipla, per esempio, è un buon modo di giocare con maggiore consapevolezza. E scommettere consapevolmente significa accrescere le possibilità di vincita o quantomeno di ridurre il rischio di perdere.

Veniamo allora alle principali tipologie scommesse sul calcio. Per ogni voce offriamo una breve spiegazione. Benché non sia esaustiva, rappresenta un seme da coltivare per accrescere la vostra cultura legata al mondo dei pronostici. Ma ecco un primo elenco di possibili giocate.

Singola: si scommette su una sola partita, per esempio Roma-Lazio. Centrando l’unico pronostico fatto, si porta a casa la vincita.

Doppia: si scommette su due partite. Per battere il bookmaker occorre centrare entrambi i pronostici fatti.

Tripla o Terzina: le difficoltà aumentano, questa volta gli eventi sono 3. Per vincere occorre azzeccare tutti e 3 i pronostici fatti.

Multipla: questa categoria include la Doppia e la Tripla; con 2 eventi pronosticati in uno stesso ticket si ha già una multipla. Di solito però si compone di un numero maggiore di selezioni, anche 10 o più. Vincere significa centrarle tutte. Le probabilità, pur scegliendo quote rasoterra sono bassissime. Noi consigliamo di non superare mai i 5 eventi a schedina.

Sistema: in questo caso si punta su molteplici eventi, come in quello della multipla, ma si può vincere anche se non si centrano tutti i pronostici. Il numero di eventi che si può sbagliare senza compromettere la vincita finale dipende dal tipo di sistema che si è scelto.

Scommesse calcio principali

Quelle appena descritte sono le macro-categorie di gioco che potete scegliere. L’una non esclude l’altra, e si possono sperimentare tutte. Ma è bene capire quale si adatta meglio al proprio stile di puntata e optare per una piuttosto che per un’altra. In linea generale a noi piacciono molto le scommesse singole. Con esse, infatti, abbiamo un maggior controllo di tutte le variabili che portano al risultato finale. Inoltre, le probabilità di fare cassa sono maggiori, pur oscillando sempre in relazione alla quota (alta o bassa) decisa dal bookmaker.

A questo punto passiamo in rassegna le scommesse calcio principali presenti sulle lavagne degli operatori. Per ognuna vi riproponiamo una breve descrizione che, sottolineiamo di nuovo, non è da ritenersi esaustiva. Se però sarà da supporto al vostro vocabolario scommesse, avrà raggiunto lo scopo.

Esito finale 1X2: ne abbiamo parlato già sopra. Aggiungiamo che la scommessa è vincente già allo scadere dei tempi regolamentari. Se ai supplementari o ai rigori dovesse vincere la squadra su cui non hai puntato, ciò non inficerebbe la tua vincita.

Under 2,5 Over 2,5: perché la puntata sia vincente la somma delle reti segnate al triplice fischio deve essere minore di 3 (per l’Under 2,5), maggiore di 2 (per l’Over 2,5).

Goal No Goal: chi sceglie il Goal scommette che entrambe le formazioni andranno a segno. Chi sceglie il No Goal punta sul fatto che una delle due non segnerà (la scommessa sarebbe presa anche se la partita terminasse 0-0).

Doppia Chance: ovvero doppia possibilità. Con l’1X si punta sull’eventualità che la compagine di casa vinca o pareggi. Con l’X2 sull’eventualità che gli ospiti pareggino o vincano. Con l’12 sull’eventualità che la partita non finisca in parità. .

Parziale Finale: puntando sul Parziale Finale 1-1 di Roma-Lazio, la scommessa è vincente se i giallorossi vincono già nel Primo Tempo e sino al triplice fischio dell’arbitro. Per il 2-2 si applichi lo stesso principio, ma ai biancocelesti. L’esito X-X è vincente se Primo e Secondo Tempo finiscono in pareggio.

Pari Dispari: la somma delle reti segnate da entrambe le compagini deve essere Pari o Dispari. Se Lecce-Cagliari finisce 1-1 e hai giocato Pari, la scommessa è vincente. Se Fiorentina-Sassuolo termina 2-2 e hai giocato Dispari, la puntata è perdente.

Risultato esatto: l’espressione va presa alla lettera; si scommette sul risultato finale esatto di un certo evento (per esempio Entella-Benevento 0-4).

Ripetiamo: le modalità di gioco sopra elencate non sono che quelle principali, e nemmeno tutte. Per farsi un’idea dell’offerta basta spulciare un sito di preferenza. Se la scelta del bookmaker è personale, la discriminante irrinunciabile è che sia legale. E nel nostro Paese si può giocare solo sui siti che hanno ottenuto la licenza AAMS.

Follow us

Don't be shy, get in touch. We love meeting interesting people and making new friends.

Most popular

error: Content is protected !!